Ristorante Locanda Margon

RISTORANTE LOCANDA MARGON

Chef: Alfio Ghezzi

Via: Margone di Ravina, 15 – Trento

Tel: 0461 349401

Riconoscimenti: 2 stelle Michelin – 2 forchette Gambero Rosso

Spesa media escluso vini: € 90,00

 

GUIDA MICHELIN

In zona collinare con vista mozzafiato sulla città di Trento, la cucina precisa e attenta di Alfio Ghezzi vi coccolerà nel suo Salotto Gourmet tra tradizione gastronomica e modernità e dove il territorio italiano farà da filo conduttore con ovvii riferimenti anche al Trentino. Per momenti meno impegnativi, la Veranda vi soddisferà con una cucina più semplice. I migliori prodotti esaltati dalla competenza e dall’ispirazione di uno chef di talento che « firma » con la sua squadra piatti eterei ed evocatori, talvolta molto originali.

 

GUIDA IDENTITA’ GOLOSE

Locanda Margon è un gran luogo del gusto italiano illuminato dalla seconda stella: c’è in ogni piatto qualcosa di immediato, quasi didascalico, una piacevolezza non scontata né banale, una rotondità che dialoga con qualsiasi tipo di commensale. E non per una ragione meramente strumentale, per risultare cioè più “facili” e apprezzati da chiunque. Bensì (anche) per una precisa scelta di campo: «Parto dalla tradizione perché la mia base è il territorio. In questi anni ci siamo fatti influenzare troppe volte da stimoli che venivano dall’estero: la cucina tecnoemozionale, la molecolare, la nikkei, la nordic… Io dico invece: Italia».

A parlare è lo chef Alfio Ghezzi. La “sua” Italia è quella dello splendido ambiente circostante, il patrimonio agroalimentare di un Trentino «che vanta una straordinaria ricchezza climatica, si va dal clima temperato, quasi mediterraneo, che si gode per decine di chilometri, da Riva del Garda in su, fino all’alta montagna. In questo spazio così diverso il cuoco può raccontare tante storie, coi suoi piatti». Alla Locanda Margon questi ultimi sono sicuri, strutturati, sedimentati, persino molto molto generosi nelle porzioni, a percorrere un percorso appunto estremamente italiano, una via tutta nostra all’alta cucina perché siamo il Paese della trattoria e della nonna, del prodotto e delle radici gastronomiche.

Vien da pensare: tutto ciò non è un limite. E’ un tracciante per un possibile modello futuro di tavola tricolore che ha due ultimi addentellati necessari: «La generosità del cuoco (lui non dice mai chef, ndr) che si presta a cucinare un unico ingrediente in più modi diversi, a sperimentarne la versatilità», e nella nostra cena è capitato con l’asparago bianco. E poi il suo gusto, il suo impegno a rendere più interessante ciò che la natura gli/ci ha già donato.

 

LE SOSTE

Ingredienti locali di alta qualità e proposte gastronomiche di una semplicità raffinata fanno di Locanda Margon un tempio da visitare nell’iter dei viaggiatori eno e gastro-acculturati. La Locanda è una terrazza naturale di rara bellezza immersa nei vigneti alle porte di Trento, sede della cucina creativa di Alfio Ghezzi e della famiglia Ferrari Lunelli, tra i signori del Trentodoc. Nel percorso “Suggestione Bollicine”, all’interno del Salotto Gourmet, lo chef accosta otto portate a cinque diverse etichette Ferrari servite al calice: un binario cibo-vino che non deraglia mai su un lato del cammino, in cui grandi vini sono ben bilanciati da grandi piatti d’autore. Nella proposta “Suggestione Terroir” il territorio si lega al talentuoso chef trentino: dal Salmerino di Preore in carpione, agli Strangolapreti, fino alla rivisitazione dello strudel di mele. La sterminata cantina raccoglie la collezione privata della famiglia Lunelli, dalle annate storiche e introvabili di Giulio Ferrari al Ferrari Perlé, dal Perlé Rosé al Perlé Nero; qui ogni desiderio è un sorso di storia del vino italiano.

 

VIAGGIATORE GOURMET

Il 2017 è stato un anno importante per la Locanda Margon: a Novembre alla presentazione della guida Michelin sul palco del teatro regio di Parma c’era anche lui, lo chef Alfio Ghezzi, emozionatissimo nella sua nuova divisa, su cui bene in vista sul petto della giacca bianca, brillavano due stelle. Una sorpresa per lui e per il Trentino, che grazie a Ghezzi e alla Famiglia Lunelli porta per la prima volta l’ambito riconoscimento sul territorio. L’estate è arrivata anche a Trento e la degustazione preparata da Alfio Ghezzi per gli Amici Gourmet conserva tutta la profumata leggerezza della bella stagione: una netta prevalenza di pesce, di mare o, più spesso, pescato nelle acque fresche dei torrenti trentini, e tanti ortaggi, che così belli e gustosi se ne mangia raramente. Anche in campo “vegetale” Ghezzi non perde l’occasione per comporre nel piatto la sua personale ode al territorio in cui è nato e in cui, ormai 7 anni fa, ha fatto ritorno, chiamato dalla Famiglia Lunelli per dirigere il ristorante gourmet della Cantina. Così abbiamo potuto scoprire il sapore del crescione di torrente, da noi davvero introvabile, e stupirci di come la mano sicura di Ghezzi riesca a sublimare anche il più povero degli ortaggi: il suo Patate, patate, patate – gnocchi di patate, soffice di patate e salmerino, polvere di patate viola e pancetta – riconcilia anche il più scettico e la dice lunga su come un vero professionista riesca a dar vita a un capolavoro anche dai prodotti più semplici e, a prima vista, banali.

 

IL GOLOSARIO

È sicuramente una delle soste che non possono mancare in Trentino. È una tavola di respiro internazionale: si percepisce dai piatti, mai scevri di fantasia ma mai troppo lontani dalle radici trentine, si respira nelle proposte della cantina dove, va da sé, sono le bollicine di casa a fare la parte del leone (ma non solo). Del resto Locanda Margon nasce dall’incontro di un grande come Alfio Ghezzi con una delle grandi famiglie del gusto italiane. Bella la formula che si declina in due proposte: il salotto gourmet e la più informale veranda, con l’indovinata idea di tre portate servite in 52 minuti. Alla carta, via con il radioso “salmerino alpino, relitto glaciale”, il crudo e cotto di fassone con melanzane arrostite o uovo di montagna cremoso. Tra i primi, è una sicurezza il riso mantecato al Trentingrana, mele e timo. A seguire, grande pollo ruspante “Locanda Margon”, vitello da latte panato nei grissini sedano rapa ai capperi e rapanelli, fracosta di manzo alla brace, coscio di coniglio polenta cipolle al forno e salsa con i suoi fegatelli o anguilla affumicata menta e cipollina marinata. Si chiude con Fragole, nocciole e dragoncello una sosta da corona oppure Mela, pensando allo strudel.
Prezzi medi: Antipasti 30; Primi piatti 25; Secondi piatti 40; Dolci 15
Menu Suggestione Bollicine a 180 euro; Menu Suggestione Terroir a 90 euro

 

VALUTAZIONE DEGLI UTENTI DI TRIPADVISOR (Italia)

Eccellente: 424

Molto buono: 102

Nella media: 20

Scarso: 12

Pessimo: 1

(559 Recensioni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...