Ristorante Il Tiglio in Vita

RISTORANTE IL TIGLIO IN VITA

Chef: Enrico Mazzaroni

Via: Scarfiotti, 47 Porto Recanati (MC)

Tel: 392 039 7238

Riconoscimenti Guide: NO stella Michelin – 2 forchette Gambero Rosso

Spesa media escluso vini: € 60,00

 

GUIDA MICHELIN
Il Tiglio ha ripreso a vivere, evviva! Riapre, infatti, sul bel lungomare di Porto Recanati portando con sé le storiche ricette che gli hanno regalato tanta fama, integrandole con specialità di pesce ricche di fantasia e gusto. Prodotti di qualità e abilità dello chef: semplicemente un buon pasto!

GUIDA IDENTITA’ GOLOSE
Non tutti i mali vengono per nuocere. Così è stato il terremoto per lo chef Enrico Mazzaroni. Il suo visionario Tiglio di Montemonaco – ristorante gourmet sul cucucuzzolo dei Sibillini, la cui fama è stata costruita con dedizione e grandi sacrifici – è stato spazzato via dal sisma dello scorso agosto. Dal dolore si è generata una nuova opportunità che si chiama Tiglio In Vita: non solo un ristorante ma anche un’insegna che rappresenta la voglia di ripartire di un territorio, di uno chef e della sua brigata.

La nuova casa del Tiglio è decisamente più glamour della precedente, con vista mozza fiato sul mare e arredi essenziali e moderni, ma il cuore è sempre lo stesso. Il mare fa capolino nella cucina dello chef Mazzaroni che sta imparando a conoscerne i profumi, i succhi e i segreti; pesce, dunque, ma al suo fianco non mancano mai richiami alla grande tradizione di terra e di montagna che da sempre ispira lo chef. A piatti esuberanti come il “Porcino scottato con polvere di miso e sakè” si affiancano creazioni più rassicuranti come la “Patata”, richiamo a uno dei piatti storici del Tiglio ma in questa nuova sede rielaborata con una delicata crema di vongole e caprino.

Impossibile ingabbiare la creatività di Enrico che ogni mese crea e sperimenta nuovi piatti da combinare in due formule super convenienti di degustazione. In sala è il sorriso di Gian Luigi Silvestri a dettare la personalità del servizio che non è perfetto, ma lascia trasparire la grande ospitalità che ha fatto la fortuna di questo ristorante anche a mille metri di altezza.

REPORTER GOURMET
È salpata da Porto Recanati la nuova sfida del duo di Montemonaco: un locale su misura per una cucina rinnovata, che nell’elaborazione del lutto trova motivi di poesia e la dolcezza della resilienza.

PASSIONE GOURMET
(In breve)
PREGI: Il rapporto qualità/prezzo – La profondità del menu degustazione.
DIFETTI:  Assenza di un sito internet.

I piatti, tenacia e passione
Con il benvenuto dalla cucina si torna bambini in spiaggia! Tra i numerosi bocconi serviti sulla sabbia (pane grattugiato) versata dal secchiello e rastrellata con la paletta, deliziosi e croccanti sono i “sassolini” al tartufo bianco, ripieni di formaggio liquido. Nel corso dell’ampio menu degustazione, in alcuni momenti Mazzaroni tende a sedurre l’ospite con un’avvolgente golosità: ecco allora gli Spaghetti con il burro alla nocciola e la milza, molto gustosa grazie anche al ricorso alla cipolla, o il ghiotto Piccione al foie gras In altri casi è la delicatezza a farla da padrone, si veda l’elegante e iodata Ostrica e patata di Montemonaco e salsa tzatziki con il mollusco stiepidito perfettamente dal tepore del tubero o l’acido sapido della Acciuga al frutto della passione, con pane al muschio e alici. In altri la mano si fa più tranchant (perentoria, decisa), audace, e piacevolmente spigolosa: è il caso della Cozza con carne cruda al wasabi della gommosa e gustosa Spuntatura di vitello, dell’insolito Pinotto (pinoli anziché riso) con crema al carciofo e testa di gamberi, da spremersi al momento, del refrigerante e ferroso Mojito con mela e teste di gambero, del coraggioso Budino di cervello d’agnello, ciliegie, cocco, (piacevolmente spiazzante la percezione di crème brûlée) e, ultimo ma non da meno, degli sferzanti Spaghetti alla genziana (serviti come “amaro” dopo il caffè).

La sala è condotta con garbo e ironia da Gianluigi Silvestri e abbiamo trovato originali alcune proposte al calice in accompagnamento al menu.

Una cucina a due mani quella odierna. Una più piaciona, con qualche concessione all’audience, e un’altra, invece, più ardita che forse rappresenta al meglio lo chef. Nel complesso le radici del Tiglio di Mazzaroni hanno ben attecchito in riva al mare, e ciò al netto di alcune preparazioni forse un po’ ridondanti, da snellire. Attendiamo che la cucina del Tiglio prenda una strada meno confusa e più decisa in una direzione stilistica chiara, con impronta personale.

ALCHIMIA DEL GUSTO
Ormai è da qualche anno che lo chef Mazzaroni si è trasferito al mare..a due passi dalla spiaggia di Porto Recanati.

Da qui è ripartita la sua idea di cucina con un menù non completamente di mare proponendo proposte principalmente legate alla sua “cara montagna” fatte di materie prime attingendole dalla azienda agricola del papà Pippo; mentre il pescato è del tutto locale.

Quando andai a trovarlo, che aveva appena aperto, dissi che secondo me lo chef pareva in un momento “particolare” stava attraversando il passaggio dai monti al mare e sicuramente non era semplice e lo si percepiva in qualche sua portata come ad esempio cozze e carote (completamente assente il sapore delle cozze) e dal menù davvero troppo povero di pesce per essere sul mare.

Certamente un equilibrio difficile da trovare e mantenere ma del resto ci voleva tempo quando si cambia forzatamente, ma ero certo che la sua bravura sarebbe emersa alla grande.

E così è stato lo chef ha finalmente trovato “la quadra” Ho trovato davvero tutto buono. Ho nuovamente assaggiato “patate e vongole” molto buono e  “lasagna punto zero” sublime.. così come le acciughe e tartare di vitello.

Il Menù risulta essere “mirato”, poca scelta ma esprime interesse e curiosità. Merita sicuramente un bonus per qualità/prezzo e per il pane fatto in casa con le erbe

VALUTAZIONE DEGLI UTENTI DI TRIPADVISOR (Italia)
Eccellente: 124
Molto buono: 22
Nella media: 6
Scarso: 3
Pessimo: 1
(156 Recensioni)

( 1 Eccellente Vs 1 Pessimo)

(Il Vecchio P) Recensito 3 settembre 2018
Cena meravigliosa
Menu degustazione da 45€, piatti davvero squisiti, ogni portata è una bellissima sorpresa, servizio gentilissimo e con un ottima puntualità, carta vini di gran livello. Il piccione è un must, spettacolare Non vedo l’ora di tornare

(Mondalsuole) Recensito 24 agosto 2017
Pessimo
Il ristorante gode di ottima fama in zona. Venerdi’ 18/08 sono andato con amici a provare se il ristorante confermasse la fama: fama che ritengo immeritata per i seguenti motivi:
1) le portate non sono state soddisfacenti perche’
a- ordinate sulla base di un menu’ non esplicativo
b- tutte le portate sono risultate, a tutti i conviviali, eccessivamente salate
2) a fine cena si è presentato lo “chef” in abbigliamento non consono (tipo macellaio unghie nere e mangiate ed abbigliamento tutto sporco)
Sono totalmente meravigliato della fama, a mio avviso totalmente immeritata.
Sara’ stato lo stress o non sono all’altezza della fama

 

DICO LA MIA: (recensioniristoranti.it)
Bella location, praticamente in riva al mare..nella zona che io definisco “morta” In quanto a sinistra, guardando il mare, troviamo Numana ed il  Conero – a destra invece troviamo il centro e spiagge migliori. In mezzo appunto c’è lungomare Scarfiotti

Il servizio è cordiale e relativamente attento.

La cucina è improntata da un giusto mix tra mare e monti dai gusti decisi e non sempre equilibrati

La sera, nel periodo di vacanze e se decidete di cenare in veranda, fanno da compagnia; il mare, da un certo orario in poi la musica del locale vicino ed il vociare delle persone lungo la passeggiata.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...