Ristorante L’Alchimia

RISTORANTE L’ALCHIMIA

Chef: Davide Puleio

Via: Viale Premuda, 34 – Milano

Tel: 02.82870704

Riconoscimenti Guide: Essendo di recente apertura (2018) non è ancora segnalato

Spesa media escluso vini: € 70,00

 

VIAGGIATORE GOURMET
Hanno scelto di chiamarlo L’Alchimia, ispirandosi a quell’arte misteriosa, a metà tra la scienza e la magia, che dal mondo arabo tanto affascinò i sapienti medievali di tutta Europa. Un nome intrigante per un nuovo locale, che però non basta per farne un indirizzo di successo: occorre la sostanza di un progetto vincente, studiato a tavolino come uno stratega e analizzato nei minimi dettagli. Il progetto esiste e a firmarlo è stato Alberto Tasinato, che ha coraggiosamente deciso di lasciare l’Olimpo dorato del Seta del Mandarin Oriental di Milano per fare rotta verso nuovi lidi. Al suo fianco, in qualità di soci, Patrizia Riccardi, la proprietaria delle mura, Samuele Serra, presidente di Milano Restaurant Group, che ha all’attivo sei ristoranti nel capoluogo lombardo, e Edoardo Veronoli, che ha studiato gli spazi. La città resta la stessa, ma cambiano la via, la location e, cosa ben più importante, l’intera filosofia del locale: aperto 7 giorni su 7, in parte cocktail bar e in parte ristorante vero e proprio. Insieme ad Alberto, lo chef romano Davide Puleio e Valerio Trentani, che è il direttore di sala e firma la carta dei cocktail.

ALCHIMIA DEL GUSTO
L’Alchimia, una altra piacevole sorpresa..
Bel locale, ottime persone, buona cucina, ottime etichette..
Tutti ingredienti di qualità per passare una piacevole serata.
Di recente apertura ma di sicuro successo;  è la formula che a Milano forse mancava. I presupposti ci sono tutti, che sia il Ristorante o  il Lounge Bar.
Il tutto curato dal bravo Alberto Tasinato con eccellenti esperienze tra cui Restaurant Seta del Mandarin Oriental, con Berton e con Matteo Torretta..
Bella ed accogliente la sala del ristorante in legno sia in terra che sulle pareti con qualche mattone a vista e travi a soffitto.

Mi piaciuto molto anche la sala del Lounge Bar, aperto dalle ore 12 fino alle ore 24 (e qualcosina in più) con il suo grande bancone dal fascino un po’ retrò dalle sedute e tavoli alti dove poter gustare al meglio un aperitivo.

Naturalmente non mi sono dimenticato della cucina del giovane e bravo Chef Davide Puleio, ex sous chef del Ristorante Pipero a Roma, la quale risulta essere ben studiata e ricercata e seppur con qualche tocco di estremismo si rileva buona sensibilità e tecnica.

Tra i primi vi segnalo sicuramente l’ottima minestra di pasta e pesce (mi ha ricordato quella di mamma); piacevole e golosa la crema di funghi e caramello; ottimi i ravioli di parmigiano con foie gras; azzardata ma grande idea i finti straccetti di manzo; ed un pane davvero eccellente.

In sintesi una delle migliori sorprese fino ad oggi pertanto meritevole di una tappa gourmet oppure per un semplice aperitivo.

Bravo Alberto…

PASSIONE GOURMET
(In breve)
PREGI: Un ottimo locale, ben ristrutturato – Servizio efficiente e perfetto. – L’offerta continuata 7 su 7 e dalle 12 alle 24.

DIFETTI: I prezzi al ristorante e in cantina, troppo alti.

Un ristorante – lounge bar di classe nella Milano da bere

Alberto Tasinato, già F&B manager del ristorante Seta di Milano, ha inaugurato da pochi giorni la sua nuova e scintillante creatura, L’Alchimia. Un locale moderno, degno di una città metropolitana qual è Milano. Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 24, con la possibilità di mangiare qualcosa a tutte le ore, con un lounge bar di gran classe unito, è il caso di dirlo, a un ristorante di tenore in cui si fonde in un tutt’uno moderno e accattivante.

Al comando Alberto, che è anche coinvolto nella proprietà, assieme a una squadra di tutto rispetto: Valerio Trentani, anche lui proveniente dal ristorante Seta, che si occuperà del bar e del ristorante, e Davide Puleio, chef con trascorsi importanti e una gran voglia di imporsi alla ribalta, dopo anni passati nelle retroguardie. Un team di prim’ordine per un luogo che farà certamente parlare di sé. Cullati tra un risotto e una cotoletta

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dall’eleganza di una cucina semplice, ma anche contemporanea e da lievi tocchi di classe. Golosa quanto deve essere, rotonda quanto basta, ma al contempo intrigante. Realizzata con materie prime di assoluta qualità e freschezza, ci ha piacevolmente cullato con una cena davvero interessante. Ottimo il Risotto Milano-Roma, con la coda alla vaccinara che “contamina” un perfetto risotto alla milanese. Così come perfetta la Cotoletta alla milanese, già oggi una delle migliori di Milano.

Un filo sottotono la Faraona, un po’ troppo virante verso il dolce, come molti altri piatti, in cui il contrasto lascia spazio alla piacevole armonia. Per piacere e per piacersi. Il contrappunto non manca però al momento del conto, secondo noi l’unica nota un filo stonata del luogo. Il progetto è importante, il luogo è stato arredato e ristrutturato con finezza ed eleganza. Capiamo tutto questo, ma avremmo visto meglio, per il lancio, una partenza più soft. Il conto, per 4 piatti alla carta, sfiora gli 80/90 euro, davvero troppi. La proposta, articolata su pochi piatti, è arricchita da un menu degustazione unico, a cui forse si potrebbe affiancare una proposta ulteriore, sempre per andare nella direzione di un più congruo scontrino a fine pasto. Il voto, arrotondato per difetto, lascia spazio alla giovane apertura, per un incremento di certo già dietro l’angolo.

Ottima e già ben fornita la cantina, che, purtroppo sconta la gioventù estrema, e quindi costi commisurati a questo aspetto piuttosto elevati.

Ma noi, da sempre estimatori di Alberto Tasinato, siamo certi del successo di pubblico e anche di critica. Non mancate una visita, anche per un delizioso e articolato aperitivo, nella Milano da bere, che è tornata forte e intrigante, forse, più di un tempo.

VALUTAZIONE DEGLI UTENTI DI TRIPADVISOR (Italia)
Eccellente: 32
Molto buono: 14
Nella media: 0
Scarso: 0
Pessimo: 0
(46 Recensioni)

(1 Eccellente Vs 0 Pessimo)

Ad oggi il Ristorante non ha su TripAdvisor recensioni negative

 

DICO LA MIA: (Recensioniristoranti.it)
non sono d’accordo sui “difetti” citati da Passione Gourmet in merito ai prezzi alti, parliamo di materia prima di buona qualità preparata tecnicamente bene seppur con qualche sbavatura, quindi un piatto che ha un costo medio di euro 15,00  per gli antipasti euro 17,00 per i primi ed euro 26,00 per i secondi..(come da menù) per un ristorante come questo non può definirsi alto.

L’alchimia è un posto gradevole a prezzi relativamente accessibili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...